Il Portogallo vola, la Turchia anche

Ronaldo & co battono 3-1 la Repubblica Ceca. Svizzeri fuori dall’Europeo, beffati al 92° dagli uomini di Terim

Il Portogallo si conferma: nella seconda partita del girone A batte 3-1 la Repubblica Ceca e diventa una delle squadre da battere di Euro 2008. La partita ha confermato le qualità dellla formazione guidata da Scolari. La firma dei tre gol è quella dei giocatori più in vista e di maggiore talento: Deco, Cristiano Ronaldo, Quaresma. Con individualità del genere si riesce a scardinare anche l’impianto di gioco di squadre solide come la Repubblica Ceca, che sulla compattezza e le qualità atletiche, fondano la propria forza. I Cechi, che non hanno al momento le individualità di qualche stagione fa, sono comunque un avversario difficile. Ma in questi casi l’equilibrio viene spezzato dal talento dei singoli ed è quello che ha saputo fare il Portogallo. E se il primo gol di Deco dopo 8 minuti è frutto di opportunismo (respinta del portiere su azione di Ronaldo) il raddoppio nella ripresa di Ronaldo è frutto di un assist dello stesso Deco. La Repubblica Ceca nel primo tempo aveva reagito e pareggiato con Sionko, ma ha dovuto cedere alla beffa finale del gol in contropiede e a porta vuota di Quaresma.

TURCHIA IN EXTREMIS – In serata, sempre per il Girone A, la Turchia ha battuto la Svizzera 2-1 e per gli elvetici finisce l’avventura europea. Gli uomini di Terim hanno vinto in extremis il match grazie a una rete messa a segno al 47′ da Arda Turan. L’iniziale vantaggio degli svizzeri arriva al 32′ del primo tempo: lo sigla Yakin, ma grande merito va a Derdiyok, bravo a evitare il portiere turco in uscita e a servire il compagno di squadra che solo al centro dell’area va a segno. Nella ripresa una Turchia più tonica pareggia grazie alla new entry Senturk, che sfrutta al meglio un cross dalla sinistra di Nihat. Poi al 47′ la rete di Turan che esclude la Svizzera dai quarti.

 

Il Portogallo vola, la Turchia ancheultima modifica: 2008-06-11T23:43:04+00:00da arbi07
Reposta per primo quest’articolo